beagle IV
GEAPRESS – Una indagine avviata sul commercio illegale di cuccioli di cane, specie nel periodo prenatalizio. I Forestali dei Comandi Stazione di Montebruno e Santo Stefano d’Aveto (GE) sono così arrivati all’uscita del casello autostradale di Genova Bolzaneto, dove un cittadino di orgini straniere sarebbe stato intento a vendere un cucciolo di cane beagle.

L’animale era all’interno del bagagliaio dell’auto del presunto venditore e sarebbe stato sprovvisto di documentazione sanitaria, passaporto animale e microchip. Il cagnolino è stato così posto sotto sequestro finalizzato ad ulteriori accertamenti tutt’ora in corso. Al termine di questa fase si provvederà alla contestazione delle ventuali sanzioni amministrative così come previsto in tema di detenzione e vendita di cani non correttamente indentificati.

Il cagnolino proveniva dal Piemonte. Le quotazioni di questi animali possono arrivare a 700 euro.

Secondo gli inquirenti il compratore aveva scelto il suo cucciolo in un noto sito di annunci on-line dove, a quanto sembra, venivano proposti dallo stesso soggetto diversi cuccioli di beagle.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati