assuntina cagna cuccioli
GEAPRESS – Sette cuccioli di cane sono stati ritrovati ieri nel tardo pomeriggio, all’interno di un contenitore della spazzatura di Favara, in provincia di Agrigento. Purtroppo, non un caso isolato. Specie nelle zone rurali, è ancora in uso sbarazzarsi delle cucciolate,  lasciando solo uno o due cuccioli per smaltire il latte della cagna.

Per i volontari dell’associazione Aronne, si tratta però dell’ennesima sorpresa di oggi. Il “signore” che li ha gettati nella spazzatura come fossero “monnezza”, ha fatto tutto  in maniera alquanto disordinata. Gli animali, infatti, sono stati recuperati uno ad uno e quando tutti pensavano che trattavasi di sei piccoli cuccioli, ecco l’ultimo apparire in fondo ad altro cassonetto.

Subito è partita la gara di sodilarietà nel tentativo, spesso disperato, di riuscire a far sopravvivere i piccoli animali. Come è noto, si tratta di un soccorso particolarmente difficile. Cuccioli così piccoli, se manca la madre, corrono seri rischi di vita.

In luoghi dove però il randagismo registra ancora percentuali particolarmente significative, può anche capitare che due drammi si incontrino generando una nota positiva. “Assuntina”, cagnetta randagia, era stata infatti recuperata dai volontari quando già privata, da altro “signore”, della sua cucciolata. Un atto crudele, innanzi tutto per i cuccioli, ma che può presentare sorprese spiacevoli anche per la cagna. In quel momento, però, Assuntina è diventata la risorsa vitale dei cuccioli gettati nell’immondizia.

Subito adottati, per ora da Assuntina, ma i volontari, oltre alle ingenti spese del mantenimento di tanti cani, dovranno tra non molto affrontare l’adozione dei cuccioli appena svezzati. “E’ l’ennesima battaglia che siamo costretti ad affrontare “, riferiscono i volontari.

L’invito è ad aiutarli prenotando ad esempio l’adozione dei cuccioli. Questi i numeri messi a disposizione: 349 8111610

 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati