capriolo cancello
GEAPRESS – Una brutta esperienza conclusa, però, in maniera positiva grazie all’intervento del CRAS (Centro Recupero Animali Selvatici) della Provincia di Pesaro Urbino.

Protagonista della  vicenda è stata una giovane femmina di capriolo. L’animale, infatti, era rimasto bloccato tra le barre di un cancello. La Polizia Municipale di Fano, avvisata di quanto successo, si è messa in contatto con il CRAS che ha subito inviato nei luoghi i suoi operatori.

Visitata da un Veterinario, si è provveduto a somministrare il sedativo. Per tranquillizzare il capriolo si sono  coperti  gli occhi con una apposita mascherina. Per fortuna si è constatato come le ferite riportate erano limitate a poche superficiali abrasioni causate nel tentativo di fuggire dalla morsa delle barre metalliche. Per questo, una volta svegliata, la femmina di capriolo è stata tenuta quanto necessario sotto osservazione, provvedendo, poi, alla sua liberazione.

Il CRAS della Provincia di Pesaro Urbino, al fine di evitare incidenti di questo tipo, raccomanda di porre alla base di cancelli o similari recinzioni, delle reti protettite.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati