cavallo denutrito
GEAPRESS – Risale al 14 aprile scorso il sequestro di un ingente numero di cavalli, pony, asini, cani e capre, in un campo alla periferia di Desio all’interno di una baraccopoli con magazzini e stalle tutti abusivi.

Questa volta una mail anonima indirizzata al Comando della Polizia Locale denunciava un nuovo episodio. Veniva riferito della presenza di un cavallo abbandonato in pessime condizioni in un campo in Via Salvo d’Acquisto, non lontano dalla scena del primo sequestro.

L’immediato intervento della Polizia Locale, venerdì 17 luglio, unitamente alla Polizia Provinciale ha attivato anche il servizio veterinario Asl MB e il Nucleo Antimaltrattamento di ENPA di Monza e Brianza, i cui volontari sono intervenuti insieme a Giorgio Riva, presidente della sezione ENPA monzese, per il ritiro dell’animale.

Giunti prontamente sul posto, i volontari ancora una volta hanno dovuto tristemente constatare la veridicità della segnalazione. Secondo l’ENPA, nel più totale abbandono e degrado, c’era un anziano cavallo denutrito, disidratato e di una magrezza impressionante, senza cibo da chissà quanti giorni, così debilitato da fare fatica a muoversi. Il povero animale, che una volta doveva essere stato un cavallo argentino dal mantello baio scuro, è stato caricato sul trailer dell’ENPA e portato nel rifugio dove ha ricevuto rapidamente cibo e assistenza. Qui è battezzato “Salvo” non solo per il nome della via dove è stato trovato ma anche perché, è il caso di dire, è davvero salvo per miracolo.

Per l’episodio è stata presentata una denuncia contro ignoti per maltrattamento ma sono in corso delle indagini per risalire al proprietario dell’animale che, grazie a diverse testimonianze, potrebbero concludersi a breve.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati