cane capua
GEAPRESS – La storia di Carol inizia in data non recente. Trovata a Capua (CE) dopo essere stata investita nel febbraio scorso. Uno dei tanti cani senza padrone, o per meglio dire, uno dei tanti cani abbandonati da un ex padrone.

Il reato non è in Italia punito in maniera adeguata. Un semplice reato di contravvenzione ed una previsione di arresto puramente teorica visto che la pena prevista è di gran lunga inferiore alla soglia di punibilità.

Carol viene raccolta dal volontario Marco Cocco. Le sue condizioni appaiono subito gravi, smagrita e molto probabilmente con seri danni ossei.

A Capua, asserisce il volontario, non vi sono strutture convenzionate per il ricovero. Il frutto di quell’abbandono, al di là delle specifiche competenze di legge, rimane interamente sulle spalle dei volontari.

Carol viene così ricoverata nell’ospedale veterinario di Napoli, ma gli esami confermano la gravità della situazione: disclocazione vertebrale con interruzione parziale del midollo spinale.

Carol viene così portata in centro veterinario di Lodi, specializzato nel ramo neurologico. Il tutto, ovviamente, a spese dei volontari. Qui la povera cagnolina subisce due delicati interventi chirurgici ed a questo punto viene trasferita in un centro specializzato nella fisioterapia, dove tutt’ora si trova. Il danno inferto è stato purtroppo molto grave e la cagnolina riesce a deambulare con l’aiuto di un carrellino.

Il Veterinario – riferisce a GeaPress Marco Cocco – mi informa che si relaziona molto bene con gli altri cani ed è piena di voglia di vivere. Sono molto contento, anche se i sacrifici sono immensi. Carol – aggiunge il volontario animalista – ha sempre molta voglia di essere coccolata“.

Le spese per la clinica sono state pagate grazie all’aiuto del Veterinario ma ci sono ancora quelle della fisioterapia ed i volontari non possono da soli farsene carico. Un aiuto sarebbe oltremodo utile. Carol, comunque, può andare in adozione, sebbene richiederà ancora il carrellino e la prosecuzione della fisioterapia.

Quattro mesi intensi che meritano di certo un aiuto. A Capua, peraltro, l’emergenza è continua ed aiutare Carol significherebbe aiutare molti altri cani.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati