cane camion IV
Cina – E’ andata come speravano gli animalisti cinesi. I cani stipati all’interno di un camion fermato ieri nei pressi della città di Xi’an (vedi articolo GeaPress) sono stati trasferiti presso una struttura temporanea e, da poco più di un’ora, si sta provvedendo a liberarli dalle orrende gabbie ove erano pigiati.

Nei luoghi, dopo il fermo del camion, si erano subito diretti un  centinaio di attivisti che si sono prodigati per bloccare ogni possibile via di fuga all’automezzo. Gli abitanti del posto, hanno poi portato degli ombrelloni per proteggere gli animali dal sole. Nonostante Xi’an, si trovi all’interno dell Cina continentale, le temperature di questa primavera sono insolitamente miti.

Dunque, parrebbe che anche questo carico sia illegale. Il trasportatore, cioè, potrebbe essere in possesso di cani privi di ogni documentazione. La legge cinese, infatti, impone la tracciabilità degli animali destinati al macello. Un uso alimentare che sta venendo sempre meno. Per gli animalisti, però, contestare la regolarità del carico è anche una maniera per portare a galla il fenomeno, denunciandolo ai media.

Nelle prossime ore si saprà se il trasferimento dei cani dovrà considersi definitivo. In questo caso, per gli animali, inizierà un nuovo importate impegno per l’adozione dei cagnolini.  (nella foto uno dei cani del camion di Xi’an)

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati