cane cina II
GEAPRESS – Un vero e proprio assalto quello avvenuto nei pressi della città di Xi’an nella provincia cinese di Shaanxi. Un camion con decine di cani stipati è stato fermato in una piazzola di sosta di una grande arteria stradale.

Secondo quanto reso noto dall’ONG Animal Welfar Project, con sede in Cina ed in California, al suo interno sarebbero stipati cani destinati alla macellazione. In meno di un’ora, riferisce sempre l’ONG, un centinaio di persone ha risposto all’appello degli animalisti, recandosi nei luoghi e bloccando l’automezzo. Si spera, infatti, che la spedizione sia illegale. Solo in questa maniera si potrà ottenere il sequestro e l’affidamento degli animali.

Dall’aprile 2013, infatti, il commercio dei cani per l’alimentazione umana, è in Cina condizionato al rispetto di specifiche disposizioni sanitarie, tra cui la tracciabilità degli animali. Il pericolo, è quello della veicolazione della rabbia. Per gli animalisti, però, si tratta del mezzo più utile per fare venire a galla il fenomeno ed ottenere il bando totale di questi traffici che riguardano non solo i cani ma anche i gatti. Solo alcune province ricorrono a questo tipo di alimentazione che viene perlatro sempre più criticato dall’opinione pubblica cinese.

Gli animalisti cinesi, intanto, diffondono con meticolosità tutta orientale le  indicazioni per raggiungere la tangenziale di Xi’an dove è stato fermato il camion con all’interno i poveri cani stipati.  (nella foto uno dei cani del sequestro di questo pomeriggio)

VEDI AGGIORNAMENTO SULLA SORTE DEI CANI

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati