cane cile II
GEAPRESS – Così come in altri disastri. Le violente scosse di terremoto che negli ultimi giorni hanno colpito il Cile, stanno mettendo in risalto tante storie di solidarietà.

Come successo anche nel nostro paese in occasione di catastrofi naturali, in Cile molti soccorsi stanno avendo come protagonisti animali rimasti imprigionati nelle macerie o comunque bisognosi di aiuto. Si tratta a volte di interventi importanti anche per gli stessi terremotati in cerca dei loro animali lasciati in casa oppure scappati.

I social network cileni si stanno riempendo di appelli, avvisi di ritrovamenti, staffette per il recupero degli animali o cosegna di croccantini e medicinali.

Un video, però, sta facendo il giro del mondo. Vede protagonista un cane della città di Iquique e tre ragazzi: Diego Vasquez, Francisco Vasquez e Bruno Ceballos. Quest’ultimo è l’autore del video.

Il quattrozampe è purtroppo rimasto bloccato tra  le macerie. I ragazzi riescono appena ad individuare il muso e si prodigano subito per tentare il liberare lo sfortunato animale. Operazione difficile ed altretutto rischiosa. I tre ragazzi si ritrovano infatti ad operare proprio nella zona disastrata ed a rischio di nuovi crolli.

Il cane, per fortuna, appare tranquillo, probabilmente intontito per quanto successo. Lunghi, interminabili minuti di apprensione nel corso dei quali i ragazzi fanno di tutto per recuperarlo. Per prima cosa viene portata dell’acqua e contemporaneamente si tenta di muovere delicatamente il corpo del cane. Prima lateralmente, infine si tenta di liberarlo poggiando un asse di legno sotto un grosso pezzo di cemento che sovrasta almeno metà del corpo del cane. L e zampe posteriori appaiono completamente immerse tra gli sfabbricidi.. Molto vicino al cane un grosso pezzo di cemento.  Dopo quasi sette minuti di intervento, è finalmente estratto. All’estremità della zampa posteriore sinistra, presenta  una vistosa ferita. Non è chiaro se l’animale è rimasto in qualche maniera compromesso nella capacità di deambulare anche se, appena posato in terra, sembra reagire esercitanto una seppur lieve pressione sulle zampe.  Riposto in un lenzuolo viene poi portato via.

I commenti, nei social netwok, sono numerosissimi. Tra i semplici ringraziamenti e alle dichiarazioni di “eroi”, c’è anche quello di Teresa. E’ ancora scossa dal terremonto ed ha visto piangendo il video. Queste immagini, scrive in un account facebook animalista, le hanno dato la forza di continuare a sperare.

VEDI VIDEO SALVATAGGIO CAGNOLINO
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati