GEAPRESS – Accolti dagli splendidi ambienti della Riserva Regionale Lago di Serranella, in provincia di Chieti, alla presenza del neo Presidente del WWF Abruzzo dott. Luciano Di Tizio, le Guardie Giurate Volontarie del WWF hanno provveduto a ridare la libertà ad un giovane esemplare di tasso, a due poiane ed un assiolo.

Questi animali che sono stati recuperati feriti e debilitati, con traumi vari, sono stati curati presso il Centro Recupero Fauna Selvatica del Corpo forestale dello Stato (CFS) di Pescara che ha affidato poi il rilascio ai volontari del
WWF.

Attivo da oltre 25 anni, il Centro Recupero Fauna Selvatica del Corpo Forestale dello Stato è una struttura per il soccorso, la cura e il recupero degli animali selvatici feriti o comunque in difficoltà. E’ a servizio di Enti, Istituzioni, Associazioni e privati cittadini, e fino ad oggi si è occupato di circa 10.000 animali tra mammiferi, uccelli e rettili.

Le Guardie WWF di Chieti sottolineano come i momenti del ritorno alla natura di animali selvatici sono importanti in quanto danno forza alle attività di volontario per l’ambiente, testimoniando inoltre l’abilità e la bravura dei veterinari del Centro Recupero Fauna di Pescara.

La collaborazione tra WWF e Corpo Forestale dello Stato è conseguenza anche del recente rinnovo della convenzione tra i due Enti stipulata allo scopo di ottimizzare gli impegni reciproci nella difesa del patrimonio agroforestale italiano, nella salvaguardia dell’ambiente, del paesaggio e dell’ecosistema.

In virtù della Convenzione, il Corpo forestale e il WWF procederanno allo scambio di informazioni e di dati relativi ai fenomeni e alle cause degli eventi criminosi, ma soprattutto verranno condivisi i dati che consentiranno al WWF di costituirsi parte civile nei procedimenti giudiziari importanti e di attivare indagini difensive nei casi di particolare rilievo investigativo. Sul fronte del contrasto al bracconaggio è stata anche prevista la possibilità di procedere all’ottimizzazione dell’impiego delle Guardie Giurate Volontarie del WWF.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: