Astore al centro LIPU la fagiana
GEAPRESS – “Ringraziamo il presidente Rossi che, rispondendo rapidamente  al nostro appello, ha assunto un impegno così chiaro e forte a sostegno del centro recupero di Vicchio”. Lo afferma Danilo Selvaggi, direttore generale Lipu-BirdLife Italia, a commento delle dichiarazioni del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi che, sulla pagina di Firenze di Repubblica di oggi, dichiara: “E’ importante che quella struttura non chiuda, la Regione può trovare i fondi, non stiamo parlando di una grossa cifra ma è un piccolo contributo che serve a non far morire un’esperienza di grande valore”.

“Quella del presidente Rossi è una risposta confortante – commenta Danilo Selvaggi – che dà l’idea di un’amministrazione sensibile e anche intelligente, considerato che l’attività svolta dal centro Lipu di Vicchio, come quella del Cruma di Livorno e di tutti i centri recupero d’Italia, sgrava, con poche decine di migliaia di euro all’anno, le amministrazioni pubbliche di un ben maggiore impegno economico e gestionale. In questo caso, le associazioni sostituiscono le amministrazioni garantendo cosi un risparmio di risorse e un plusvalore di passione, dedizione e capacità di educazione e coinvolgimento della gente. Nei prossimi giorni – aggiunge Selvaggi – stabiliremo con il presidente Rossi e i suoi uffici i passaggi tecnici perché il centro di Vicchio possa dirsi effettivamente salvo e ripartire con le risorse giuste e ancora più efficienza di prima>”.

“Ringraziamo – aggiunge Paola Beati del Centro di Vicchio – tutti i privati che con le loro donazioni, in questa fase delicata, stanno sostenendo l’attività del centro. Ringraziamo inoltre le associazioni ambientaliste e animaliste e infine i politici che hanno effettuato le interrogazioni e sensibilizzato le istituzioni sui problemi del centro di Vicchio, e che continueranno a seguirci fino a che la questione non sarà effettivamente risolta>”.

Il Centro Lipu di Vicchio, operativo 365 giorni all’anno, ricovera le specie più varie, dai piccoli uccelli insettivori come il codibugnolo, fino a rapaci come il biancone e a vari piccoli mammiferi, con 200-300 ospiti fissi e circa 1.500 ricoveri annui.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati