cava
GEAPRESS – Ha vegliato la sua compagna di sventura, giorno e notte.

Una strada alle falde del Vesuvio dove gli animali investiti rimangono spesso esposti fino a ridursi in miseri mucchietti di ossa e pelo. Lei, la piccola cagnetta, non si è mai mossa dalla sua compagna, nonostante i volontari hanno messo in campo una piccola Task Force per poterla recuperare. Tutti i tentativi, prima della gabbia trappola, si erano rivelati vani. Oltretutto la cagnetta richiava di finire anch’essa sotto le ruote di una macchina. Appena i volontari si avvicinavano per lasciarle cibo ed acqua, lei scappava velocemente, terrorizzata dalla presenza dell’uomo. Appena i volontari si allontanavano, riprendeva la veglia della sua compagna di strada.

Secondo la Lega Difesa del Cane di Cava de’ Tirreni (SA) le due cagnoline erano state abbandonate alcuni giorni addietro. Poi, il veloce passaggio di un’automobile, ha stroncato il legame che era inizaito chissà in quali luoghi e tempi. La cagnetta, però, non si era rassegnata.

Una storia triste, riferiscono dalla Lega Nazionale per la Difesa del Cane, che oggi ha conosciuto la sua prima nota positiva. Dopo alcuni tentativi, l’installazione nei luoghi di una gabbia trappola si è rivelata risolutiva.

La cagnetta è ora al canile di Cava dè Tirreni, in attesa di adozione

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati