cinghiale ca
GEAPRESS – Salvata dai volontari della Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Cava de’ Tirreni, in provincia di Salerno.

Si tratta di una femmina di cinghiale di circa tre mesi di vita, ferita forse con una badilata ed abbandonata al chiuso di un sacco. La provvidenziale passeggiata con il proprio cane di una volontaria, ha consentito  di individuare il sacco bianco all’interno del quale era stato chiuso il povero animale.

Si lamentava disperatamente – riferisce a GeaPress Teresa Salsano, responsabile operativa della Lega Difesa del Cane di Cava de’ Tirreni – In tanti anni di attività non mi è mai capitato di vedere qualcosa del genere. Abbiamo visto quel sacco muoversi ed i lamenti del povero animale. Poi quella ferita sotto l’occhio e nella spalla. Sembrava implorare di non farle del male“.

Non senza difficioltà, considerata la gravità delle ferite, la giovane cinghialessa è stata trasferita per la prima visita presso un ambulatorio veterinario. Ancora nessuna ipotesi è possibile formulare sul perchè di quell’abbandono. Gravemente ferita e chiusa nel sacco; non sarebbe sopravvissuta senza l’intervento dei volontari. Improbabile che sia stata colpita da colpi di arma da fuoco. Forse una badilata sferrata da chi ha creduto di averle inferto il colpo di grazia.

La cinghialessa, mangia e beve ma non riuscese ad alzarsi sulle zampe – aggiunge Teresa Salsano – speriamo sia solo un fatto ortopedico, gli accertamenti sono ancora in corso. Siamo tutti sconvolti, non capiremo mai la crudeltà di un gesto orrendo e prolungato, come averla chiusa nel sacco”.

La Lega Nazionale Difesa del Cane, cercherà di apprendere nuovi particolari. “Vogliamo capire cosa è successo“, dicono i volontari.

VEDI VIDEO RITROVAMENTO CINGHIALE

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati