pit bull oipa
GEAPRESS – 24 cani, 23 pitbull e una meticcia, sono stati sequestrati dalle Guardie eco zoofile dell’OIPA nella provincia di Caserta. Secondo l’associazione i cani sarebbero stati lungamente costretti in un luogo ove l’unico diversivo era una razione di cibo, definita “misera”, e addirittura i combattimenti con altri cani. Questa, sempre secondo l’OIPA, sarebbe stata l’unica “ora d’aria” concessa.

Le Guardie riferiscono di pesanti catene di ferro, grossi collari costrittivi, cucce fatiscenti e angusti box. Queste le condizioni di vita nelle quali si sarebbero rinvenuti i cani tenuti in una proprietà privata.

Solo tre di loro risultavano iscritti all’anagrafe canina, mentre tutti gli altri sarebbero risultati sprovvisti di microchip. Le Guardie riferiscono inoltre di lesioni e cicatrici sul corpo e sul muso causate dai morsi di altri cani. Particolarmente drammatiche sarebbero apparse le condizioni di una femmina di pittbull che riportava ferite ancora aperte intorno all’occhio sinistro, sotto il mento e in altre parti del corpo.

Tutti i 24 cani sono stati sequestrati, mentre il proprietario è dovrà ora difendersi dall’accusa di maltrattamento e abbandono di animali. Indagini sono attualmente in corso sui presunti collegamenti con altri soggetti coinvolti.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati