cane cf
GEAPRESS – Il personale del Comando Stazione Forestale di Campobasso è intervenuto nei giorni scorsi per accertare le condizioni di salute di ben 37 cani ricoverati in una struttura privata. Il controllo, avvenuto congiuntamente ai Servizio Veterinaro di Campobasso, ha accertato la presenza di cani segugio e meticci.

Ad essere contestata è la presunta inidoneità della struttura ricettiva, sia dal punto di vista costruttivo che sanitario.

I cani, stante quanto riferito dalla Forestale, sarebbero stati costretti in spazi angusti, non puliti e di dimensioni inferiori al dettato minimo normativo. In alcuni casi,  sarebbero stati legati a catene della lunghezza variabile da un metro ad un metro e trenta. Un fatto, riferisce la Forestale, che limita fortemente lo spostamento.

Il Servizio Veterinario ha eseguito inoltre il controllo clinico degli animali e dettate prescrizioni per l’adeguamento delle strutture di ricovero. In particolare, si dovranno eseguire interventi diretti per l’adeguamento della struttura e dei box, mediante la realizzazione di spazi sufficienti a garantire il movimento dei cani.

Il detentore dovrà ora difendersi dall’accusa di  maltrattamento di animali ma anche da quanto rilevato nel corso del sopralluogo e sanzionato in via amministrativa. Si tratta, in questo caso, di più  violazioni  alle disposizioni della Legge Regionale n° 07 del 04/03/2005 e del Regolamento Regionale n°03 del 15/09/2008. Le sanzioni sono infatti relative alla mancata iscrizione all’anagrafe canina,  omessa applicazione del microchip identificativo e mancato rispetto delle misure di protezione degli animali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati