calderoli III
GEAPRESS – Incredibile post del Vice presidente del Senato Roberto Calderoli, che si è fatto immortalare con un  serpente di due metri.

La foto, mostra quello che apparirebbe come un innocuo biacco che, a detta del Senatore Calderoli, sarebbe stato da lui catturato questa mattina nella cucina di casa. In effetti, la foto, più che una cattura sembra mostrare un serpente morto.

“A voi sembra normale che un serpente di 2 metri sia nella cucina di una casa di mozzo?” si chiede nel suo post il Senatore leghista. Addirittura la presenza del povero Biacco, forse finito forconato, viene in qualche maniera ricollegata a quella che lo stesso Calderoli sembra far apparire come  un improbabile anatema del Papa. “Non sono mai stato superstizioso – afferma Calderoli – ma dopo la “makunba” che mi ha fatto il papa della Kienge mi e’ capitato di tutto e di più. Quello che potete vedere nell’allegato è il serpente che ho catturato questa mattina nella cucina di casa mia“.

E dire che proprio pochi giorni addietro un fatto molto simile era successo in una casa di Labico, in provincia di Roma. Una anziana signora era fuggita di casa perchè aveva rinvenuto una innocua biscia nel piatto doccia. I vicini che l’avavano aiutata hanno però ritenuto più opportuno non adoperarsi in battute di caccia autoprodotte (vedi articolo GEAPRESS). Hanno infatti contattato i Carabinieri i quali, avvisato il corpo Forestale dello Stato, hanno provveduto al recupero e successiva  liberazione del pacifico animale.

Nel caso del Vice presidente del Senato, sembra proprio che non vi sarà  alcuna liberazione.

A distanza dei meno di 24 ore dall’inserimento della foto nel facebook di Calderoli, vi sono già 486 commenti. Facile immaginare il tono di essi.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati