cane riverso
Il PACMA, il partito animalista spagnolo, riferisce di essere certo del documento pervenuto. Si tratterebbe del permesso concesso al titolare di una azienda di caccia della Comunità di Castilla – La Mancha di catturare al laccio cani e gatti rinselvatichiti e di ucciderli con un colpo di arma da fuoco in testa.

Nel provvedimento sarebbero altresì incluse le volpi.

Secondo gli animalisti, che criticano in maniera radicale il documento, a finire uccisi non sarebbero solo quelle tipologie di cani e gatti cosiddetti rinselvatichiti, ma semplici randagi che si potrebbero trovare nei pressi dei sentieri. Una scelta, comunque, giudicata crudele e  anacronistica.

Si ricorda che un simile provvedimento venne deciso alcuni anni addietro per alcune regioni del Cile. Le proteste internazionali che si sollevarono sul caso, fecero cambiare idea alle autorità locali. Di tanto in tanto, anche in Italia appaiono proposte di questo genere, per fortuna rimaste tali. Nel caso spagnolo, però, a sentire il PACMA le cose starebbero in maniera diversa.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati