pit bull polizia
GEAPRESS – Cuccioli di animali chiusi in gabbie e scambiati tra soggetti di nazionalità straniera. Questa la segnalazione pervenuta alla Polizia di Stato di Brescia che ha fatto subito sospettare un possibile scambio di animali tra persone probabilmente dedite al commercio illegale di animali.

L’intervento è avvenuto sabato pomeriggio, quando una Volante si è portata in via della Volta nei pressi del supermercato Esselunga. Due cittadini serbi venivano così individuati ed identificati. All’interno di una monovolume gli Agenti hanno rinvenuto una gabbia di metallo con all’interno un cane di piccole dimensioni razza “Pit bull”, privo di cibo e acqua. La gabbia era posta sul sedile posteriore dell’autovettura.

Le soprese, però, non erano finite. Alla richiesta della Polizia di sapere cosa trasportavano nel bagagliaio, venivano indiduati altri due pitbull, chiusi nelle rispettive gabbie di piccole dimensioni e all’interno delle quali i cani non avevano libertà di movimento. I due non hanno data alcuna spiegazione sulla provenienza degli animali. Successivamente  sono stati condotti in Questura per la loro identificazione.

Gli agenti hanno richiesto la presenza di un Veterinario ASL il quale avrebbe accertato l’irregolarità dei documenti degli animali, oltre che le condizioni riportate dalla Polizia di Stato come di maltrattamento. I cani, riferiscono sempre gli inquirenti, erano tenuti in gabbie sporche, privi di acqua e di cibo.

I due cittadini stranieri sono stati trovati in possesso di 1350 Euro. Sono attualmente indagati con l’accusa di maltrattamento di animali e traffico illecito di animali in concorso. I can sono stati posti sotto sequestro e affidati alle cure di un canile di zona.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati