muscardini
GEAPRESS – “Come contrasta il traffico illegale di animali?” Questo uno dei quesiti formulati dall’On.le Cristiana Muscardini che si è rivolta, presentando una interrogazione parlamentare, direttamente alla Commissione Europea. Lo spunto è stato fornito dal nuovo sequestro di cuccioli di cane importati dall’est europa e comunicato ieri dalla Polizia Stradale di Bologna (vedi articolo GeaPress ).

220 cuccioli, tutti provenienti dall’Ungheria e diretti probabilmente ad un commerciante della Campania. Indagini serrate condotte dall’EITAL (Ente Italiano Tutela Animali) a concluse sulla A13 nei pressi di Altedo, in provincia di Bologna.

Nell’atto parlamentare, l’On.le Muscardini chiede inoltre di sapere se la Commissione non intende adoperarsi al fine di implementare le normative sul trasporto degli animali. In effetti i sequestri operati dalle Forze dell’Ordine, mostrano un preoccupante reiterarsi degli stessi comportamenti che far pensare all’esigenza di un rafforzamento delle norme in vigore, evidentemente non all’altezza.

Dunque, chiede l’On.le Muscardini, “dopo aver regolamentato la libera circolazione delle persone e delle merci, può chiarire in che modo si applica la libera circolazione degli animali tra gli Stati Membri?“. Un fenomeno probabilmente ancora poco conosciuto tanto da far chiedere alla stessa Europarlamentare se la Commisisone “dispone di dati relativi all’effettiva applicazione della normativa sul trasporto degli animali“.

Nell’atto la Parlamentare espone quanto sarebbe emerso dalle prime risultanze investigative sul sequestro di Bologna. Documentazione da passare al setaccio e presunta età dei cuccioli. Di certo quel furgone è stato sequestrato a Bologna. Viene da chiedersi quali controlli si attuano nei punti doganali.

Intanto i 220 cuccioli di Bologna sono stati affidati dall’Eital ed all’esperto Antonio Colonna che ha seguito personalmente le indagini.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati