maremmano lndc
GEAPRESS – Un cane anziano che sarebbe stato lasciato dal suo padrone. Ormai vecchio e malato, così come sottolineato dalla Lega Nazionale per la Difesa del Cane a proposito dello sfortunato quattro zampe.

Un caso, purtroppo, non nuovo ai fatti di cronaca se non fosse per il suo padrone, ovvero, riporta sempre la Lega Difesa del Cane, un sacerdote.

Succede in provincia di Bari dove il cagnolone di ben 14 anni, sordo, artritico e debilito sarebbe stato lasciato al suo destino. Per fortuna la storia ha un lieto fine grazie all’intervento dei volontari dell’associazione. “Quello che avrebbe dovuto essere il suo compagno umano lo ha volutamente abbandonato a se stesso, solo, in attesa che spirasse per consunzione, privo di acqua e di cibo, chiuso in un lurido recinto, senza nemmeno più la forza di sollevarsi per raggiungere uno sgangherato riparo per proteggersi dal freddo e dalla neve”– racconta Mariangela La Volpe, presidente di LNDC Molfetta.

Ora il cane è nel rifugio della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, dove ha ricominciato a vivere gli anni che gli rimangono con dignità e circondato dall’affetto che i volontari non gli lesinano. “Ha ripreso a camminare, ha cominciato a perdere l’aspetto scheletrito. Ogni giorno il suo dolce sguardo riconoscente e i bacetti che dispensa a tutti ci ricordano”- conclude La Volpe- “quanto poco costa donare un po’ di amore. Un sentimento che il suo ex padrone, nonostante la veste che indossa evidentemente non ha mai conosciuto”.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati