canile caccia
GEAPRESS – Intervento del Nucleo Speciale di Arezzo del Corpo Forestale dello Stato che ha provveduto a denunciare un uomo dopo che era stata riscontrata, all’interno di un recinto, la detenzione di dieci  cani da caccia. Secondo la Forestale gli animali sarebbero stati tenuti in condizioni non idonee oltre che esposti a gravi sofferenze.

Tutti i cani sono stati posti sotto sequestro e trasferiti in una struttura autorizzata.

Gli agenti della Forestale, erano intervenuti dietro segnalazione dalle Guardie Zoofile dell’OIPA di Arezzo.

Il recinto era stato diviso in comparti che secondo gli inquirenti si sarebbero presentati fatiscenti e parzialmente privi di copertura. Durante il controllo vi era peraltro una pioggia insistente ed in tale situazione si verificava come la copertura in telo di juta, si sarebbe presentava sfondata e strappata in più punti. L’acqua piovana, pertanto, filtrava in modo abbondante ed anche  il pavimento in legno delle cucce presenti all’interno della struttura risultava  completamente umido così come i cani che sarebbero apparsi in condizioni di disagio non avendo a disposizione un luogo ove ripararsi.

Nel corso del sopralluogo non veniva inoltre riscontrata la presenza di cibo mentre l’acqua da bere non era del tutto pulita.

Per questo gli agenti hanno deciso di fare intervenire un veterinario delle USL 8 di Arezzo, il quale ha riscontrato come i suddetti animali fossero effettivamente detenuti in condizioni incompatibili con la loro natura e quindi esposti a gravi sofferenze.

Il proprietario degli animali, residente ad Arezzo,  è stato denunciato alla Procura della Repubblica.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati