canile pescara
GEAPRESS – Ore drammatiche quelle che si stanno vivendo in tre canili della costa orientale italiana. Dalla provincia di Pescara a quella di Trani-Barletta.

La situazione in corso più grave è sicuramente quella di Francavilla al Mare (CH). Il rifugio gestito dai volontari della Lega Nazionale per la Difesa del Cane ha subito danni gravissimi e molto probabilmente irreparabili a seguito della frana che ha coinvolto i terreni ove sorge. Per fortuna nelle scorse ore erano stati trasferiti molti cani e la frana che oggi ha investito il canile si è resa responsabile della probabile morte di un solo cane, attualmente dato per disperso. Si tratta della cagnetta Kira. I volontari sono certi che si trovi sotto il fango. Dei 115 animali ospitati nella struttura, oggi ne rimanevano una cinquantina. In queste ore si sta cercando di completare il trasferimento.

L’area di Francavilla al Mare, a seguito delle piogge, presenta seri problemi di viabilità anche se la zona del Rifugio, riferiscono i volontari, è raggiungibile, meglio se con un fuoristrada. I volontari invitano chi vuole aiutare, a portare cose utili per il trasferimento dei cani: guinzagli, collari e trasportini. “In questo momento – riferisce a GeaPress Manuela Contasta, volontaria del Rifugio – non occorrono subito coperte o mangimi, quantomeno nella zona dove sorgeva il rifugio, bensì trasportini, collari o quant’altro di utile per trasferire i cani. Non so dove riprenderemo la notra attività – aggiunge la volontaria – ma di certo qui sarà molto difficile”.

Quando stamani è arrivata la notizia che la situazione stava precipitanto, i volontari sono subito corsi sul posto. Poi la notizia sulla quale si erano quasi interrotte  le comunicazioni. Una collina è franata sul rifugio! Una situazione che attualmente si conferma drammatica ma, per fortuna, meno di quanto si era pensato nel momento dell’annuncio della frana. Alle 16.00 di oggi vi era un cane disperso,  una sessantina già trasferiti prima della frana ed una cinquantina per i quali il trasferimento è in corso. Nessun danno alle persone ma tutta l’area è piena di fango rendendo difficili gli stessi soccorsi.

Emergenza in parte rientrata a Pescara, dove stamani la struttura gestita sempre dalla Lega Difesa del Cane è entrata in allarme rosso. Alle 5.00 è arrivato l’avviso del Comune: possibile esondazione del fiume. Per fortuna, rassicura la Lega Difesa del Cane, tutti i cani sono in salvo ma il canile è allagato.

Situazione drammatica anche al noto canile di Trani (BT), divenuto oggetto di recente  sequestro da parte della Magistratura a seguito dell’ispezione del NAS dei Carabinieri e dalla Task Force del Ministero della Salute. La struttura, affidata in custodia giudiziaria alla Lega Difesa del Cane e all’UGDA (Comitato Nazionale per l’Istituzione dell’Ufficio del Garante dei Diritti degli Animali) ha ieri subìto lo straripamento di un vicino corso d’acqua. In alcuni punti il livello ha raggiunto un metro e quaranta centimetri. Nella struttura c’erano in quel momento i volontari di più associazioni che si sono così trovati anch’essi sommersi dall’acqua.

E’ un miracolo – riferisce a GeaPress Paola Suà, presidente di UGDA – che non sia successo niente a persone ed animali“. Alcuni cani, presi dal panico, hanno morso i volontari mentre cercavano di metterli al riparo in un’area più sicura. Il tutto mentre l’acqua invadeva la struttura. “Un dramma  a cui si è aggiunta la disperazione dei volontari della Lega Nazionale Difesa del Cane, UGDA , ANPANA e TRANI SOCCORSO di Protezione civile, accorsi sul posto per salvare gli animali – spiega Paola Suà – Un girone infernale dantesco. Cani bloccati nei recinti terrorizzati, ululanti e mordaci per il terrore. Acqua alta fino a 1 metro e 40 centimetri che non ha fermato il coraggio e l’amore delle persone intervenute per metterli in sicurezza lavorando al buio e in condizioni rischiose fina a tarda sera“.

Parte dei cani sono stati trasferiti in queste ore, mentre si continua a programmare il trasporto di quelli rimasti in attesa che la situazione torni sotto controllo. Purtroppo a Trani ha ripreso a piovere.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati