Benji II
GEAPRESS – Cauto ottimismo per Benji, il cagnetto con le zampe amputate trovato nelle campagne di Agrigento. Ad accorgersi di lui, il volontario dell’associazione Aronne, Sandro Fanara (vedi articolo GeaPress). Un cagnolino di circa quattro mesi di vita rimasto probabilmente vittima di una falciatrice. In questo periodo, infatti, è in uso il taglio del fieno.

I volontari dell’associazione Aronne, che lo stanno amorevolmente seguendo, informano ora che lo sfortunato cucciolo ha iniziato ad alzarsi e mangiare.

Le cure sono tutt’ora in corso e continuano anche tramite le flebo idratanti. Il cane, infatti, è rimasto in quello stato per numerosi giorni in aperta campagna. Secondo il Medico Veterinario,  però, non è ancora fuori pericolo. Tutti i segnali  inducono, ad ogni modo, verso un cauto ottimismo. I progressi più evidenti sono però nell’aspetto generale. Non più un cane di “pezza”, come quando era stato trovato. Benji, addirittura, sembra quasi avere cambiato espressione del volto. “Del resto – sottolinea Sandro Fanara a GeaPress – era un cane che stava morendo. Ora mangia, interagisce e soprattutto abbiamo imparato a capirci“.

Si ricorda, infatti, che al momento del suo ritrovamento, il povero Benji di farsi soccorrere, proprio non aveva  intenzione. Nonostante la ferita alla zampa anteriore e l’amputazione di una delle due posteriori (la seconda riportava il taglio delle dita) ha tentato di mordere ripetutamente il volontario. Un’ insistenza, quella di Sandro Fanara, che alla fine è risultata vincente. Benji, ora, si fa accarezzare e coccolare.

Tantissime le telefonate pervenute all’associazione Aronne. In molti, erano interessati a sapere dello stato di salute del cagnolino. Pochi, invece, per l’adozione. E’ questo, però, l’aspetto che sta più a cuore ai volontari. Trovare una sistemazione ottimale, ovviamente appena Benji sarà completamente ristabilito. L’appello per l’adozione, è pertanto ancora valido. Benji avrà bisogno di  attenzioni particolari anche se non dovrà utilizzare alcun carrellino. Questo il numero reso disponibile dall’associazione Aronne: 349 8111610

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati