gorilla bambino
GEAPRESS – Un maschio di Gorilla di pianura di 17 anni. Ha fatto una brutta fine, nella giornata di ieri, dopo una vita passata in uno degli exhibits (così si chiamano ora gli spazi degli zoo ove sono costretti gli animali) dello zoo della  città di Cincinnati. Secondo il comunicato dello stesso zoo, un bambino di quattro anni è caduto nel fossato dopo essere salito nella barriera di protezione.

Nello spazio riservato ai Gorilla, vi erano tre animali: due femmine (subito portate fuori dall’area) ed un maschio chiamato “Harambe”. Il bambino è sembrato non avere riportato gravi ferite dalla caduta, ma il grosso maschio si è posto accanto a lui in quelli che potrebbero essere interpretati come atteggiamenti protettivi.

Evidente il panico che si è creato tra il pubblico. I responsabili della sicurezza dello zoo, paventando la pericolosità della situazione e ritenendo a rischio la somministrazione di un dardo anestetico, hanno disposto l’abbattimento dell’animale. Assieme al bambino, Harambe sarebbe rimasto per un tempo compreso tra dieci e quindici minuti.

Il Gorilla di Pianura, del quale esistono due diverse sottospecie nell’Africa occidentale, è il cugino del più famoso Gorilla di Montagna immortalato in teneri scatti in compagnia della primatologa americana Dian Fossey  uccisa il 26 dicembre 1985 in circostante mai chiarite nei Monti Virunga in Ruanda. Si scoprì così che i “terribili” Gorilla che venivano inviati in zoo e circhi di mezzo mondo, erano in realtà animali molto pacifici.

La particolare situazione che si era venuta a creare nello zoo di Cincinnati ha però dettato una diversa “soluzione”.

I Gorilla di Pianura, come quello dello zoo americano, sono minacciati, oltre che dalla distruzione delle foreste, anche dall’intenso bracconaggio volto a procurare il bushmeat, fauna selvatica per l’alimentazione umana, primati compresi. I programmi di protezione della specie, che hanno rilanciato da alcuni decenni l’immagine degli zoo, non sono per loro risultati unanimemente condivisi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati