Bear Cub Ema RO 2014
GEAPRESS – Avvistato nella giornata di ieri intorno alle 18.30. Un cucciolo di orso trovato vagare all’interno della Zona di Protezione Esterna del Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise (PNALM). In località “Prati d’Angro” l’orsetto sembrava proprio convinto di dovere attraversare la strada che porta al Comune di Villavallelonga (AQ).

Il piccolo orso, per fortuna, è stato avvistato da un cittadino il quale, vista la mancanza della mamma e allarmato dalle intenzioni dell’orsetto, ha subito contattato il Corpo forestale dello Stato ed i Guardia Parco del Parco Nazionale. Il personale subito intervenuto, ha provveduto a monitorare per tutta la notte l’area dell’avvistamento.

La speranza era quella di avvistare anche la madre. Il piccolo orso, di circa tre mesi ed un peso stimato di 3 chilogrammi, si muoveva con insistenza nei luoghi che probabilmente frequentava con la mamma quasi ad aspettarene la ricomparsa.

Il successivo intervento del personale del Servizio Veterinario del PNALM, ha consentito di accertare una condizione di forte disidratazione e affaticamento dell’animale, rendevano necessaria la cattura ed il successivo trasferimento nel Centro di Recupero Fauna di Pescasseroli (AQ) per ricevere tutte le cure necessarie ad un completo e pieno recupero.

Nel frattempo gli uomini della Forestale hanno concentrato la loro azione nell’area di ritrovamento, rivenendo la carcassa di un lupo morto. Il corpo del povero animale è stato immediatamente trasferito presso l’Istituto zooprofilattico sperimentale di Avezzano ove saranno stabilite le cause del decesso.

La Forestale informa come i ritrovamenti siano avvenuti a poca distanza dalla zona dove nel mese di marzo erano state rinvenute le carcasse di 10 volpi morte per avvelenamento. Per questo è stato disposto dal Comando Regionale per l’Abruzzo sia l’intervento del Nucleo Cinofilo Antiveleno della Forestale, per la bonifica della zona al fine di accertare la presenza di eventuali bocconi avvelenati, che del Nucleo Investigativo Provinciale di Polizia Ambientale e Forestale dell’Aquila per seguire i successivi sviluppi investigativi.

Nel frattempo continuano costantemente le operazioni di ricerca della mamma del piccolo orso da parte del personale Forestale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati