GEAPRESS – Lo aveva promesso. Sulla vicenda del Circo Sandra Orfei, attendato lo scorso ottobre  in un terreno privato nel Comune di Paceco, Enrico Rizzi, Coordinatore Nazionale C.T. del Partito Animalista Europeo, sarebbe andato fino in fondo. Ed infatti, dopo aver fatto richiesta di accesso agli atti al Comune di Paceco, Rizzi ha oggi annunciato di aver dato mandato al proprio legale Avv. Donatella Buscaino di sporgere formale denuncia contro il Sindaco della cittadina trapanese, che a sentire Rizzi potrebbe addirittura incorrere nel reato di abuso d’ufficio.

Lo scorso 27 ottobre il Sindaco Martorana era stato diffidato allo svolgimento degli spettacoli. Si ipotizzava infatti la mancanza non solo dell’ idoneità prefettizia ma anche del nulla osta del servizio veterinario ASL. Di fatto, se così stanno le cose, una situazione che avrebbe potuto mettere a rischio l’incolumità del pubblico. Si ricorda appena che tali autorizzazioni riguardano la detenzione di grandi felini ma anche di  elefanti, rinoceronti ed altri animali che in Italia, come all’estero, hanno causato gravi problemi di sicurezza. Incidenti, in alcuni casi, anche mortali.

A Paceco, dopo avere diffidato il Sindaco, Rizzi si era rivolto al Questore e al Prefetto di Trapani, chiedendo di verificare la regolarità delle autorizzazioni. (vedi articolo GeaPress).

Ma il 28 ottobre 2011 alle ore 20:45, qualche minuto prima del debutto, il Sindaco, dando probabilmente per certo che il Prefetto avrebbe rilasciato l’idoneità prefettizia, autorizzò lo “svolgimento di pubblico spettacolo a carattere circense nel periodo compreso tra il 28 ottobre 2011 ed il 7 novembre 2011” , ignorando quindi la precedente diffida e dando, quindi,  inizio a degli spettacoli definiti dallo stesso Rizzi “assolutamente illeciti”. (vedi articolo GeaPress).

Si scopre ora che l’idoneità prefettizia era stata ricevuta dal Circo Orfei solo in data 4 novembre 2011 e quindi quasi alla fine del suo tour.

Quello che pensavo e sostenevo è risultato essere veritiero – ha dichiarato Enrico Rizzi -. Mi spiace per il Sindaco che conosco e stimo tantissimo, ma gli avevo consigliato più volte di studiare bene la normativa. Mi ha ignorato e adesso si assumerà tutte le responsabilità civili e penali che il mio legale porterà avanti”.

Evidentemente, quando arriva il circo tutto è possibile. Non vi è altro spettacolo, che in Italia attira tante polemiche quanto il circo che fa uso di animali. Le manifestazioni animaliste sono ormai una costante all’arrivo del tendone. In questo caso però si è andati ben oltre la nota questione relativa alla detenzione degli animali nei serragli circensi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati