GEAPRESS – Continua in Inghilterra la sfilata dei testimoni nel processo intentato sui maltrattamenti subiti dell’elefantessa Annie all’interno del circo Bobby Roberts Super Circus (vedi articolo e video). Bastonata e ripetutamente presa a calci, tutto mostrato in un video girato da Animal Defenders International. Di ieri le prime notizie sulle schermaglie della difesa, che aveva in sostanza tentato di screditare il valore del video (vedi articolo GeaPress). Ora le motivazioni degli accusatori che hanno per questo chiesto la consulenza del prof. Donald Broom, dell’Università di Cambridge.

Secondo quanto sostenuto dal Docente universitario, l’elefantessa era privata della socialità della quale, invece, gli elefanti hanno di bisogno. In altri termini il circo doveva fare in modo di inserirla in un gruppo, anche a costo di trasferirla in un santuario a loro dedicato. Un parametro, quello della socialità, previsto anche nelle Linee Guida del Ministero dell’Ambiente italiano che impedirebbero la presenza di un elefante solitario. Fatto, però, disatteso da alcune strutture. Il prof. Broom ha poi ribadito che dalla visione del video prodotto degli animalisti si evince come l’elefantessa sia caratterizzata da movimenti ripetitivi per circa il 90% delle ore diurne. Basterebbe, ha riferito il Docente, una percentuale ben più bassa (intorno al 5%) per diagnosticare una grave sofferenza pari, nelle conseguenze devastanti, a quella inferta da chi la bastonava.

Un parere, dunque, che sembra avvicinarsi a quello espresso dal prof. Marchesini, Docente di Scienze Comportamentali, che ha commentato nel servizio diffuso dal Tg1 (vedi articolo e video GeaPress) in merito all’investigazione di un circo italiano fatta da Animal Amnesty. Animali in apparente continuo dondolamento.

Un aspetto, quello dei dondolii degli elefanti, sottolineato anche dagli Ispettori della RSPCA (Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals) intervenuti nei giorni scorsi. La parola, ora, torna all’accusa.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati