giraffa copenhagen
GEAPRESS – L’eurodeputato (PD) Andrea Zanoni ha scritto al Ministro per l’Alimentazione, l’Agricoltura e la Pesca della Danimarca, Dan Jørgensen, per chiedere che l’uccisione della giovane giraffa Marius allo zoo di Copenaghen non rimanga impunita.

Non mi capacito per quello che è successo – ha riferito l’On.le Zanoni – Ora devono essere verificate le responsabilità e devono essere presi provvedimenti a carico di chi ha adottato una decisione ingiustificabile, contraria anche alla la Direttiva 1999/22/CE “Zoo” che non contempla la pratica dell’uccisione di animali nei giardini zoologici“.

Come si ricorderà, domenica scorsa allo zoo di Copenaghen, è stata uccisa con un colpo di pistola alla testa la giraffa Marius di soli 18 mesi e in ottima salute (vedi articolo GeaPress). L’inspiegabile decisione è stata presa per impedire la riproduzione tra “parenti” e mantenere sane le specie all’interno della struttura. Successivamente, davanti a una folla di bambini, il povero animale è stato macellato (vedi video).

Ho deciso di scrivere all’amico e Ministro per l’Alimentazione, l’Agricoltura e la Pesca della Danimarca, Dan Jørgensen – ha affermato l’On.le Zanoni – perché in passato è stato Presidente dell’Intergruppo per il Benessere e la Conservazione degli Animali al Parlamento europeo e ne conosco la sensibilità. Marius era in buona salute e avrebbe quindi potuto essere ceduto o venduto ad un altro zoo. Dalla stampa, infatti, sembra che altri giardini zoologici si fossero effettivamente offerti di prenderlo. Non sono nemmeno state cercate alternative non letali e molti bambini hanno assistito ad uno spettacolo scioccante. È incredibile che un Paese avanzato come la Danimarca, un Paese che spesso cito in Italia come esempio in materia ambientale e di benessere animale, abbia potuto permettere questo per di più considerando che, come si è letto sulla stampa, l’animale era di proprietà dello Stato danese“.

Zanoni ha ricevuto migliaia di e-mail di cittadini inorriditi dall’uccisione di Marius. “I cittadini europei chiedono che un simile evento non si ripeta mai più – ha concluso l’eurodeputato – È necessario che vengano accertate le responsabilità e che  vengano presi provvedimenti contro i colpevoli. L’aspetto peggiore è che quanto è accaduto si sarebbe potuto evitare. Dopo un episodio di questo genere, il mondo e diventato un luogo più triste dove gli esseri umani non sono in grado di trovare alternative non crudeli e sostenibili. La giovane giraffa sana avrebbe potuto essere trasferita in centinaia di destinazioni alternative possibili, invece di essere uccisa. Inoltre, la Direttiva 1999/22/CE “Zoo” non contempla la pratica dell’uccisione di animali nei giardini zoologici. Personalmente continuo a sostenere che un animale come la giraffa dovrebbe essere visto nel suo habitat naturale o nei documentari sulla natura e credo che sarà molto difficile per noi adulti spiegare ai nostri figli perché nell’Unione europea c’è qualcuno che ha deliberatamente ucciso e macellato un giovane di giraffa in un giardino zoologico. Quello stesso animale che per i bambini è diventato una sorta di “mascotte”, soprattutto dopo che hanno avuto modo di conoscere il personaggio di Melman nel film “Madagascar”.”

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati