delfinario III
GEAPRESS – In alternativa ad un delfino, potrebbe essere una balena e pochi altri animali ancora. Escluso che in Italia sia stata importata una balena e preso atto che nel 2013 è stata resa nota l’importazione di un lamantino ma da uno zoo comunitario, rimane da capire cosa è esattamente l’altro animale che lo scorso anno è arrivato in Italia da un PIF comunitario.

L’importazione nel 2013 del probabile delfino extracomunitario appare nel report diffuso dal Ministero della Salute sull’attività degli UVAC e PIF. I primi sono gli uffici veterinari preposti al controlli delle spedizioni tra paesi comunitari. I secondi, invece, sono i Posti di Ispezione Frontaliera diffusi nei paesi UE e preposti al controllo veterinaio per le importazioni da paesi extracomunitari.

Proprio da un PIF non italiano, ma verso il nostro paese, è transitato uno degli animali che compaiono nell’apposita tabella ministeriale alla voce “Balene, delfini o marsovini (mammiferi della specie dei cetacei); lamantini e dugonghi (mammiferi della specie dei sireni)“. In alternativa a focene e dugonghi, per i quali non si ricorda una presenza italiana, rimane da capire la provenienza e destinazione della non meglia specificata probabile specie di delfino extracomunitario.

Nel passato, in più strutture italiane, sono arrivati delfini (anche di cattura) da altri continenti. Poi, tale prelievo, venne dichiarato come cessato se non addirittura smentito. I delfini italiani dovevano essere tutti nati in cattività. Dunque, se così è stato, l’ipotetico delfino extracomunitario potrebbe essere nato in cattività. Chissa da quale continente, però, visto che il passaggio presso un PIF certifica la provenienza extracomunitaria.

La frase utilizzata dal Ministero è comunque relativa ad animali vivi così come riportato nel sistema di nomenclatura in uso nei paesi UE. Di certo, per gli animali considerati nella tabella del Ministero, una “migrazione” un po’ troppo lunga, ma possibile nelle scorribande commerciali dell’uomo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati