GEAPRESS – Ancora brutte notizie per i circhi con animali. Il vento contrario alla detenzione degli animali nei serragli circensi arriva questa volta dalla Scozia. Giorni addietro una mozione presentata al parlamento scozzese chiedeva di vietare nell’intero territorio suddiviso in 32 unità amministrative, il circo con animali. Fatto questo che faceva seguito ad altra mozione votata a stragrande maggioranza dal parlamento inglese (in questo paese le mozioni sono vincolanti) che obbliga il Governo, entro luglio, a vietare la detenzione di animali, se di specie selvatica, nei circhi.

Nel frattempo, però, i singoli Consigli (ovvero le 32 unità amministrative della Scozia) si stanno facendo essi stessi promotori di divieti regionali. Nei giorni scorsi, a votare in tal senso, era stato l’East Ayrshire Council. Ora è invece la volta del North Lanarkshire Council. Un segnale forte e inequivocabile per il governo scozzese. Così hanno commentato i movimenti animalisti.

Singolare il motivo per il quale il North Lanarkshire Council ha votato in tal senso. Da quelle parti era in arrivo il Bobby Roberts Super Circus, ovvero il circo ove gli animalisti erano riusciti a filmare le penose condizioni di detenzione dell’anziana elefantessa indiana di nome Anne (nella foto) e le continuate bastonature con le quali era avvilita (vedi articolo GeaPress). Prima il rifiuto dell’affitto dei terreni, ora la votazione. In questi giorni richieste ad intervenire in tal senso sono pervenute pure all’Assemblea dell’Irlanda del Nord.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati