cane lupo cecoslovacco
GEAPRESS – Nuova sentenza in tema di responsabilità del proprietario di un cane e danni causati a terzi.

Dopo il caso di un Pastore tedesco di casa che aveva morso una persona ospite (vedi articolo GeaPress ), procedimento arrivato in Cassazione, è ora la volta del Tribunale di Bassano del Grappa (VI) che ha richiamato la responsabilità civile del proprietario sebbene il cane era tenuto alla catena. A rendere noto il provvedimento un comunicato dell’ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani).

La catena, secondo quanto sarebbe stato appurato, era talmente lunga da consentire al cane di raggiungere l’anziana signora e morderla al polpaccio. Il perito del Tribunale ha altresì accertato un danno permanente biologico complessivo e un danno biologico temporaneo.

Dunque ricorso accolto e riconoscimneto anche della lesione permanente all’integrità psicofisica, data l’età avanzata della vittima. Da rimborsare altresì le spese mediche.

Secondo la Giurisprudenza maturata solo un caso fortuito può evitare il coinvolgimento, in termini di responsabilità, del proprietario del cane. L’evento deve cioè rispondere ai caratteri di imprevedibilità, inevitabilità e della assoluta eccezionalità. Da rilevare un precedente  occorso a Cefalù (PA). Il vento di scirocco aveva aperto un cancello dove erano  custoditi dei cani che avevano a sua volta morso dei bambini (vedi articolo GeaPress).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati