gatti
GEAPRESS – La IX Sezione civile del Tribunale di Varese, presieduta dal giudice Giuseppe Buffone, con provvedimento del 13 marzo scorso ha confermato che gli animali devono essere considerati esseri senzienti e non cose.

In una causa di separazione coniugale, infatti, il Tribunale ha preso atto dell’accordo tra i genitori che prevedeva che i gatti di famiglia restassero a vivere nella casa della madre, dove vive la figlia minore. La madre si farà carico delle spese ordinarie, mentre quelle straordinarie saranno sostenute in pari misura dai coniugi. L’aspetto innovativo di questa sentenza è che il ruolo dell’animale domestico acquista un peso anche in relazione ai legami affettivi che, per esempio, lo può unire di più ad un componente della famiglia rispetto ad un altro.  L’animale, cioè, non rientra più semplicemente nel patrimonio da dividere dopo la separazione.

Un sentenza che si allinea con il principio  della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia firmata a Strasburgo il 13 novembre 1987 e ratificata in Italia con legge del 4 novembre 2010, n. 201. Secondo l’eurodeputato Andrea Zanoni, vice Presidente dell’Intergruppo per la Conservazione ed il Benessere degli Animali al Parlamento europeo, un passo importante in Italia è già stato compiuto con la Legge 11 dicembre 2012 n. 220 che ha modificato l’articolo 1138 del Codice Civile prevedendo che “le norme del regolamento condominiale non possono vietare di possedere o detenere animali domestici”. Secondo Zanoni, considerare l’animale come un essere senziente con tutte le conseguenze che questo comporta e non una cosa, è la conquista più importante per un Paese che si vuole definire civile. Adesso il principio deve tradursi in pratica e senza alcuna eccezione per il campo d’applicazione, sostiene Zanoni.

Da quando, a gennaio 2012, sono stato nominato vice Presidente dell’Intergruppo per la Conservazione ed il Benessere degli Animali al Parlamento europeo – ha dichiarato l’On.le Zanoni –  l’obiettivo che mi sono posto e che sto perseguendo in questo contesto è quello di lavorare affinché gli intenti dell’articolo 13 del trattato di Lisbona, che definisce gli animali “esseri senzienti”, diventino finalmente realtà in tutta Europa e continuerò a farlo“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati