carcassa cicogna
GEAPRESS – Si stanno ritirando le acque del laghetto di Borgo Zaffarana, nei pressi di Marsala (TP) e dallo scorso 28 luglio appaiono corpi di cicogne morte.

Secondo Giovanni Cumbo, responsabile della LIPU di Palermo, gli animali finora rinvenuti sarebbero tre. Il primo è stato notato sul finire di luglio dall’ornitologo trapanese Salvatore Surdo. C’è da sperare che il continuato ritirarsi delle sponde non riservi altre sorprese.

Gli animali si presentano in avanzato stato di decomposizione e non è pertanto possibile evidenziare tracce evidenti della probabile causa di morte. Il letto asciutto della piccola diga artificiale, ha comunque messo in luce numerose cartucce da caccia, anche se non è da escludere  che gli animali si siano alimentati nella non lontana discarica di Trapani, assumendo, così, sostanze rilevatesi tossiche.

Proprio nei pressi del laghetto, a due passi dall’aeroporto di Birgi, gli ambientalisti hanno inoltre fotografato alcuni cacciatori probabilmente intenti a sparare contro le allodole. Sembra che gli stessi si stessero servendo di un richiamo acustico, strumento il cui uso è vietato dalla legge sulla caccia.

Una delle cicogne è risultata inanellata in Germania.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati