carpa wwf
GEAPRESS – Cittadini di origine rumena, privi di licenza e autorizzazioni, intenti ad esercitare la pesca illegale.

Questa la tipologia sempre più frequente del pescatore di frodo negli interventi delle Guardie del WWF. L’ultimo intervento è avvenuto a Sant’Eusanio del Sangro, in provincia di Chieti. All’interno dell’Oasi WWf di Serranella sono stati infatti elevate sanzioni amministrative e disposto il relativo sequestro del pescato.

Secondo il WWF il pescatore di frodo indirizza la sua attività anche nei confronti di specie vietare e sottomisura. L’Oasi, poi, è un’area protetta e pertanto tale attività non può comunque essere esercitata.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati