vermi
GEAPRESS – Intervento delle Guardie ENPA di Salerno che, nello scorso week end,  già impegnate in altre operazioni antibracconaggio, hanno provveduto a denunciare alcuni pescatori di anguille.

La tecnica, nella regione Campania, è sempre quella dell’ombrello con la matassa di vermi. Un metodo che anche in questo caso è stato utilizzato di notte.

Due i soggetti sopresi nella notte del primo maggio dalle Guardie dell’ENPA a pescare anguille nel fiume Sele. Con l’entrata in vigore della nuova legge regionale sulla pesca, la sanzione per pesca con mezzi non consentiti ammonta a € 500,00 e altrettanto quella per la pesca a esemplari vietati.

Evidentemente, commenta l’ENPA di Salerno, nemmeno queste cifre scoraggiano i pescatori di frodo, forse a causa dei forti ricavi derivanti dalla vendita del pescato. Domenica invece, la Protezione Animali di Salerno ha colto in flagranza un pescatore di frodo con bilancia a forca nel fiume Alento. La rete misurava oltre cinque metri e mezzo di lato, misura quasi doppia rispetto a quello consentito dalla licenza posseduta dal soggetto. Quest’ultimo, inoltre, risultava sprovvisto del versamento annuale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati