GEAPRESS – Avranno pensato che la normativa ambientale era troppo complessa, o che trattare i rifiuti speciali fosse troppo dispendioso di fondi ed energie e così hanno trovato la soluzione più semplice, ovvero spedirli altrove dove nessuno andrà a controllare. Così le 110 tonnellate di rifiuti speciali di materiale plastico avrebbero inquinato altri luoghi, luoghi lontani da occhi indiscreti, dove spesso la fame compra tutto.

Stamattina, però, qualcosa è andato storto e a fermare i viaggi “speciali” ci hanno pensato i Carabinieri del NOE di Ancona che, in un’operazione congiunta con i colleghi del NOE di Udine, hanno sequestrato sei container contenenti rifiuti speciali non trattati, destinati a Paesi extra U.E. come Cina, Hong Kong ed India e spacciati per materia prima da lavorare (plastica).

I rifiuti provenivano da un’azienda friulana con sede a San Quirino (PN), che dal 2006 opera nel settore della gestione e del trasporto di rifiuti speciali non pericolosi di materiale plastico. L’azienda raccoglieva tali rifiuti, in grandi quantità, dai rispettivi produttori e, successivamente, li scaricava in impianti di destinazione finale senza farli passare dal proprio impianto di recupero.

Inoltre, per aggirare la normativa ambientale venivano compilati falsi formulari di identificazione dei rifiuti con il metodo comunemente definito: “Giro bolla”. L’azienda, quindi, falsificava anche la documentazione doganale, apponendo falsi timbri di aziende cinesi ed indiane, spedendo poi i rifiuti spacciati per materia prima dai porti di Ancona e Trieste.

Tre italiani ed un cinese, sono stati denunciati alla  Procura della Repubblica il Tribunale di Pordenone che ha coordinato l’operazione.

Sono stati sequestrati, inoltre, 6 mezzi pesanti e la sede della stessa azienda, nonché alcuni conti correnti bancari con relativi portafogli titoli ed altri 24 container contenenti la stessa tipologia di rifiuti per un valore complessivo stimato intorno ai sette milioni di euro. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).

Vedi photo gallery: