gufetto renzi
GEAPRESS – Conferenza stampa di fine anno del Presidente del Consiglio Matteo Renzi correlata da incredibili slide che mostrano poveri “gufi” portatori di sventure.

Un abbinamento che ha indisposto non poco gli ambientalisti.

A scendere direttamente in campo è il naturalista Francesco Mezzatesta, già segretario della LIPU. “Accusando i gufi di portare sfortuna –  spiega Francesco Mezzatesta – Renzi commette un grossolano errore naturalistico come del resto è nella tradizione umanistica del nostro Paese se si pensa che Ugo Foscolo nei Sepolcri descrive la diurna Upupa come un “lugubre uccello notturno”.

Causa di tali svarioni sarebbero talune carenze scolastiche che evidentemente riguarderebbero anche il nostro Presidente del Consiglio.

Se la scuola italiana si occupasse maggiormente di scienze naturali – ha aggiunto Francesco Mezzatesta – nella storia scopriremmo che gufi e civette sono sempre stati visti come portafortuna. Non a caso, nella tradizione greca, la dea Athena tiene una civetta- gufetto sulla spalla in segno di buon augurio. Furono i romani a volere cambiare la tradizione positiva greca legando le arpie (mezzi uomini e mezzi rapaci) alla ruota del fato cambiando la tradizione in negativa. I gufi invece, come tutti i rapaci, continuano a portare fortuna!”

Dunque, anche nei più scaramantaci modi di dire, vi sarebbe l’errore.

Intanto su facebook qualcuno ironizza: nessun animale porta sfortuna se non nelle allucinazioni che l’uomo vuole dare di se stesso.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati