criceto II
GEAPRESS – Il classico gioco della pentolaccia, con all’interno le caramelle per i bambini. Solo che a Pula (CA) qualcuno, probabilmente senza rendersi conto del pericolo, aveva inserito due criceti. Alla rottura della pentola, uno dei due criceti è morto.

Un fatto che ha subito rattristato la festa che non  prevedeva la presenza dei due criceti. A predere le distanze da quanto successo è stato sia il Parroco che il Sindaco della cittadina, entrambi ignari dell’ inserimento dei due piccoli animali.

Il Sindaco Carla Medau,  ha diffuso nella serata di ieri una nota.”Sono venuta a conoscenza dell’increscioso fatto accaduto ieri dove una giornata festosa si è trasformata in un evento sgradevole“.

Secondo quanto riportato dal Sindaco nel corso della “Pentolaccia”, organizzata in collaborazione tra i servizi sociali e la parrocchia, a totale insaputa sia del Parroco che dell’amministrazione, due criceti sono stati inseriti all’interno di un paio di pentole; questo ha comportato la morte di uno dei roditori creando scompiglio e spavento tra i partecipanti.

Pur essendo la mia amministrazione totalmente estranea e contraria ad eventi di questo genere – ha aggiunto il Sindaco – sento comunque il dovere di chiedere scusa a coloro che hanno vissuto questo piccolo dramma, soprattutto ai bambini”.

Il Sindaco, che ha tenuto a precisare a nome della comunità il rispetto nei confronti della natura e degli animali si è detta certa  che “episodi del genere non si verificheranno più, ribadisco e difendo ancora una volta la totale estraneità dell’amministrazione e del parroco“.

Stante quanto riportato localmente l’autore di gesto non  si è reso conto delle conseguenze che avrebbe potuto generare.

Molti i commenti che sono conseguiti alla vicenda e lo stesso Sindaco, ritornato sull’argomento anche a seguito dell’animosità suscitata, ha voluto ribadire la condanna per  quanto successo specificando che chi ha si è reso responsabile di tale atto, non aveva “minimamente calcolato le conseguenze“. In altri termini non c’era alcuna intenzione di fare divenire i criceti bersaglio di bastonate, ne di creare dolore ai bambini.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati