Papa Francesco
GEAPRESS – “Custodire il Creato, non impadronirsi del Creato. Dobbiamo custodire il Creato“. Questo quanto riferito oggi da Papa Francesco nel corso dell’Udienza Generale. Secondo il Santo Padre il Creato è un dono di Dio e deve essere per questo tutelato. “Ma, quando noi sfruttiamo il Creato, distruggiamo il segno di amore di Dio. Distruggere il creato è dire a Dio: ‘Non mi piace, questo non è buono’. ‘E cosa piace a te?’ … ‘me stesso’. Ecco il peccato“.

La frasi del Papa sono così suonate con un tono caro anche agli ecologisti ancor più nel momento in cui il Santo Padre ha voluto ribadire  l’esigenza di  “custodirlo, perché se noi distruggiamo, il Creato ci distruggerà“.

Il Papa ha raccontato quanto appreso direttamente da una persona amante dei fiori. “Una volta ero in campagna e ho sentito un detto da una persona semplice, alla quale piacevano tanto i fiori, e lui custodiva questi fiori, e mi ha detto: ‘Dobbiamo custodire queste cose belle che Dio ci ha dato. Il Creato è per noi perché noi ne approfittiamo bene. Non sfruttarlo, custodirlo. Perché Lei sa, Padre – così mi ha detto –, Dio perdona sempre’. Per Papa Francesco  “questo è vero, Dio perdona sempre’. ‘Noi persone umane, uomini e donne, perdoniamo alcune volte’. – Eh, sì, alcune non perdoniamo… – ‘Ma il Creato, Padre, non perdona mai e se tu non lo custodisci, lui ti distruggerà’”.

Il Papa ha inoltre  riferito sulla Scienza che “ci pone in profonda sintonia con il Creatore“. Secondo Papa Francesco, però, “il dono della scienza ci aiuta a non cadere in alcuni atteggiamenti eccessivi o sbagliati. Il primo è costituito dal rischio di considerarci padroni del Creato. Ma il Creato non è una proprietà, di cui possiamo spadroneggiare a nostro piacimento; né, tanto meno, è una proprietà solo di alcuni, di pochi: il Creato è un dono, è un dono meraviglioso che Dio ci ha dato, perché ne abbiamo cura e lo utilizziamo a beneficio di tutti, sempre con grande rispetto e gratitudine“.

Sulle parole del Papa è intervenuto il Ministro dell’Ambiente Galletti secondo il quale ““tutti coloro che hanno a cuore l’ambiente dovrebbero ringraziare Papa Francesco per le sue parole sulla Salvaguardia del Creato”. Il Ministro ha inoltre sottolineato la speranza che le parole del Santo Padre vengano ascoltate dai potenti della terra che nei prossimi mesi saranno chiamati ad importanti scelte nel negoziato mondiale sul clima”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati