GEAPRESS – Un vero e proprio laboratorio di balistica, secondo l’Arma dei Carabinieri di Palermo, attrezzato per la realizzazione di armi e di strumenti bellici di precisione. Molte delle armi e relativo munizionamento era di tipo caccia. Ad essere arrestato un pensionato che avrebbe pure opposto un primo tentativo di bloccare l’accesso dei Carabinieri presso la sua abitazione di via Ingrassia, nei pressi della Stazione centrale. Questo dopo avere categoricamente negato di possedere armi.

Dentro l’abitazione vi era quella che gli stessi Carabinieri hanno definito una “Santa Barbara”.

Ad essere rinvenute nel comò della stanza da letto sono state: un’arma rudimentale costruita artigianalmente pronta al fuoco e caricata con una cartuccia da caccia cal. 36 magnum; un’arma rudimentale costruita artigianalmente pronta al fuoco e caricata con una cartuccia cal. 8; un’arma rudimentale costruita artigianalmente pronta al fuoco e caricata con una cartuccia cal. 22. Sempre nella camera da letto, ma nel comodino, anche una Derringer Pocket 36, armata e pronta al fuoco. All’interno di un borsello ai piedi del letto una Primer Only cal.4,5 mm.

Nella cucina soggiorno venivano invece rinvenute: 9 cartucce da caccia cal. 36 magnum; 1 cartuccia da caccia cal. 36 caricata artigianalmente con palla espansiva; 24 cartucce da caccia cal. 24 caricate a pallini; 13 cartucce da caccia cal. 12 caricate a pallini; 4 cartucce da caccia cal. 12 caricate a pallettoni; 1 cartuccia da caccia cal. 12 caricate a pallettoni; 2 cartucce da caccia cal. 12 caricate a pallettoni; 10 cartucce in ottone cal. 8 caricate a pallini; 17 cartucce cal. 22; 40 cartucce in ottone cal. 6 caricate a pallini; 1 cartuccia cal. 38 special; 1 confezione di inneschi per armi ad avancarica Dynamit Nobel; 1 confezione di pallini ramati cal. .177; 137 palle di piombo 8,99 mm cal. .354; 1 confezione usata di proietti per carabina ad aria compressa cal. 5,5; 1 confezione di micce di vario tipo; 1 bussolotto in metallo contenente all’interno un involucro con polvere da sparo; 2 carabine ad aria compressa cal. 4,5 con alloggio proietto vistosamente modificato prive di matricola funzionanti; 1 fucile ad aria compressa cal. 5,5 con annesso sistema di puntamento ottico; 1 fucile ad avancarica D. Pedersoli cal. 32, modello Scout Percussion con canna smontata.

Nell’abitazione vi erano poi due trapani di cui uno a colonna, una saldatrice, due smerigliatrici, una sega per metalli, tubi metallici di varie dimensioni utilizzati per fabbricare le canne delle armi e per finire anche un bersaglio per il tiro di precisione.

Tutto il materiale, sottoposto a sequestro, sarà ora oggetto di una perizia. I reati contestati sono quelli di fabbricazione e detenzione di armi clandestine da sparo nonché detenzione di munizionamento vario.

Singolare la maniera in cui i Carabinieri sono arrivati all’abitazione. Le segnalazioni al 112 riferivano di un uomo che gettava oggetti da una finestra. Poi di danneggiamenti ad un autoveicolo. L’uomo, avrebbe dichiarato di essersi infastidito per l’allarme sonoro del veicolo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI VIDEO: