GEAPRESS – Erano doni rituali per i bambini neonati e per le puerpere, ai tempi nostri si è conseravata solo la tradizione del regalo in oro,  inutile per la salute. L’Incenso lo cosciamo perche si usa ancora nei riti religiosi, ma la Mirra proprio non sappiamo a che serve, non sappiamo perchè era considerato (e lo è) un dono prezioso.

La ninfa Mirra disprezzava la dea dell’amore Afrodite (la Venere latina) a tal punto da rifiutare il suo matrimonio. La dea si vendicò facendo nascere in lei una passione incestuosa per il proprio padre, il re Ciniria. Dall’incesto fu concepito un figlio, Mirra chiese agli dei di essere trasformata in albero e fu esaudita. Dopo nove mesi dalla corteccia dell’albero nacque Adone, un bambimo bellissimo.

Da millenni la Mirra è usata come rimedio di affezione per le malattie della pelle, per  le affezioni dell’apparato respiratorio, nell’igiene della bocca e nelle infiammazioni della cute e delle mucose.
Della Commiphora myrrha,  famiglia delle Burseraceae, si usa la resina, raccolta come Adone dalla corteccia dell’albero, che, sotto forma di tintura madre,  serve per combattere bronchiti acute e coniche, asma bronchiale,  laringiti, tonsilliti, rinofaringiti; localmente (una parte di tintura e tre di acqua) si usa per piaghe ed ulcere cutanee, dermatiti, gengiviti, stomatiti  ed afte. La Mirra si usa anche per diarre, dissenterie ed infezioni delle vie urinarie.

L’olio essenziale, assieme a quello di incenso, pulisce l’aria dai virus invernali. Mirra ed Incenso in granelli si possono anche bruciare sugli appositi carboncini, il fumo che sprigionano allontana  virus e batteri dall’ambiente,  apre i bronchi e facilita l’eliminazione del catarro.

Anche dell’Incenso, Boswellia serrata, stessa famiglia della Mirra, si usa la resina, sia come tintura madre che come estratto secco, come la Mirra ha proprietà espettoranti ed antimicrobiche, si usa per bronchiti croniche ed asma bronchiale, ma è anche un potente antinfiammatorio utile nelle tendiniti, nelle fibromialgie, nelle artrosi, anche nell’artrite reumatoide. L’olio essenziale poi è indicato anche nelle lievi depressioni ed è immunostimolante.
Quanto prezioso era il dono di Oro, Incenso e Mirra!

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati