nairobi
GEAPRESS – Partecipazione in questi giorni a Nairobi del Corpo forestale dello Stato nell’ambito degli incontri organizzati dall’INTERPOL presso il Complesso delle Nazioni Unite e dedicati ai crimini ambientali.  Temi sui quali già da anni vi è una partecipazione attiva del Corpo Forestale tramite il personale  CITES, ovvero il nucleo specializzato nel  controllo della Convenzione di Washington sul commercio e detenzione di specie animali e vegetali minacciate di estinzione. Oltre al personale Cites, a Nairobi era altresì presente  il Nucleo Investigativo Centrale di Polizia Ambientale e Forestale (NICAF).

Presenza, quella del CFS nell’ambito dei lavori dell’Interpol, già da tempo esistente tramite i gruppi di lavoro Wildlife e Pollution. Al meeting di Nairobi hanno partecipato Giovanni Coviello, Referente analisi investigativa del Servizio Cites, e  Marco Fiori, Responsabile Operativo Sezione Investigativa Cites. Tra i risultati di rilevo la collaborazione instauratasi con il Brasile e il Camerun in merito al traffico illegale di legname. Con i paesi africani del Lusaka Agreement, si sosterrà invece la lotta al traffico di avorio. Numerosi, inoltre, i contatti avviati per una efficace attività di intelligence e di polizia. Il Lusaka Agreement è un accordo operativo definito in Zambia nel 1992 e relativo ai traffici di fauna protetta che coinvolgono i paese del sud e dell’est del continente africano.

Nel corso dei lavori del gruppo Wildlife, la Forestale ha presentato, su incarico della Commissione Europea, una relazione sull’attività del Gruppo europeo per l’applicazione della CITES, con particolare riguardo alle minacce e alle prospettive future del commercio illegale di fauna e flora selvatica all’interno dell’Unione.

Per  quanto riguarda il gruppo di lavoro sul “Pollution Crime”, è stato invece trattato il problema del coinvolgimento della criminalità organizzata nel ciclo dei rifiuti. Illustrata, in tal senso, l’attività del Corpo forestale anche tramite l’utilizzo di strumentazione scientifica. Di rilievo il lavoro pubblicato dall’Interpol ove sono illustrate le tecniche utilizzate dal Corpo forestale per  l’individuazione delle discariche illegali.

All’evento di Nairobi, inagurato lo scorso 4 novembre e concluso oggi, sono stati presenti oltre 80 delegazioni  provenienti da tutto il mondo tra Polizia, Forestale e Dogana, con la partecipazione di importanti Organizzazioni non Governative che forniscono contributi informativi e tecnici nei vari settori.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati