GEAPRESS – Tre motoseghe ed un mezzo meccanico erano già all’opera per distruggere cinquemila metri quadrati di bosco secolare a Pino d’Aleppo, macchia mediterranea e querce. Un’area pregievole in località Montetullio nel territorio comunale di Martina Franca (TA). Vincolo paesistico e pure SIC (Sito di Importanza Comunitaria) IT9130005 – “Murgia Sud-Est”, individuato ai sensi della Direttiva Comunitaria 92/43/CEE sulla conservazione degli habitat naturali e semi naturali, nonché della flora e della fauna selvatica.

Il Corpo Forestale della Stazione di Martina Franca è così dovuto intervenire urgentemente e disporre quanto necessario al sequestro preventivo dell’intera area. Interi secoli per fare crescere un albero, e pochi secondi di motosega per fare posto ad un intervento speculativo sicuramente abusivo visto l’alto grado di protezione dei luoghi. Il proprietario del terreno ed il titolare della ditta che aveva iniziato il disboscamento sono stati denunciati a piede libero.

A loro sono state contestate pesanti sanzioni. Peraltro, proprio nei giorni scorsi, sempre la Forestale di Martina Franca aveva denunciato un’altra persona che aveva sradicato con un mezzo meccanico tutta la vegetazione del sottobosco di un’area boscata di circa 10.000 metri quadri. Un atteggiamento decisamente non collimante con l’ “Anno Internazionale delle Foreste” proclamato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite proprio per il 2011. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).