barbara balanzoni
GEAPRESS – “Assolta perché il fatto non sussiste”. Nella giornata di apertura del processo a carico di Barbara Balanzoni, chiamata in giudizio a rispondere del reato di disobbedienza aggravata e continuata per avere salvato la vita ad una gatta partoriente, cade – su richiesta del Procuratore Capo della Procura Militare -, la principale accusa mossa all’ufficiale medico italiano di stanza, all’epoca dei fatti, nella base militare italiana in Kosovo. La formula di assoluzione, pronunciata prima che il dibattimento venisse aperto, tuttavia non chiude il processo di Barbara Balanzoni che deve rispondere anche dei reati di diffamazione aggravata ed ingiuria aggravata e continuata.

Ne da comunicazione l’ENPA che riporta altresì una stessa dichiarazione della Balanzoni amareggiata per il prosieguo della vicenda giudiziaria.

Una decisione che mi lascia l’amaro in bocca – ha dichiarato Balanzoni al termine dell’udienza – perché, se da un lato sono stata assolta con formula piena per avere salvato la micia e i suoi cuccioli, dall’altro purtroppo restano in piedi gli altri due capi di imputazione in una vicenda che presenta punti poco chiari. Mi auguro a questo punto che anche gli altri due capi di imputazione cadano come è successo con il primo. Dal 2012 sto vivendo un vero inferno, spero di poter voltare pagina il prima possibile“.

Accolgo con soddisfazione la notizia dell’assoluzione di Barbara Balanzoni per il reato di disubbidienza: giustizia è fatta, almeno per la questione della gatta “, commenta la presidente nazionale dell’Enpa, Carla Rocchi, che proprio martedì scorso – insieme al responsabile comunicazione e sviluppo iniziative Enpa, Marco Bravi – aveva consegnato al sottosegretario alla Difesa, la senatrice Roberta Pinotti, le firme raccolte dal “popolo del web” a sostegno di Barbara. “Oggi è stato ribadito un principio cardine dal punto di vista etico e giuridico: la difesa della vita di ogni essere vivente è un bene primario e va tutelata prima di tutto – prosegue Rocchi -. Per questo dobbiamo ringraziare le numerosissime persone che hanno svolto un ruolo fondamentale nella vicenda a partire dal sottosegretario Pinotti e dalla senatrice Amati, intervenute a livello istituzionale. Ma dobbiamo ringraziare anche le centinaia di migliaia di persone, addirittura 178mila, che in tutto il mondo hanno sottoscritto le petizioni a favore di Barbara Balanzoni. Purtroppo, la vicenda giudiziaria avrà nuove fasi; naturalmente l’Enpa continuerà ad essere al suo fianco promuovendo iniziative anche sulla rete“.

I fatti contestati all’ufficiale medico della Riserva Selezionata, e denunciati da Enpa lo scorso dicembre nell’imminenza del procedimento giudiziario, si riferiscono al 2012. Barbara Balanzoni, ricorda sempre il comunicato dell’ENPA, in servizio come medico rianimatore presso la base militare italiana in Kosovo, contravvenendo all’ordine di non avvicinare animali randagi, si adoperò – su segnalazione di altri militari – per soccorrere una gatta partoriente che rischiava di perdere la vita. L’intervento dell’ufficiale fu decisivo, ma il suo gesto di alto valore etico le costò prima cinque giorni di consegna, poi un rinvio a giudizio per disobbedienza aggravata e continuata, disposto dal GUP il 13 dicembre 2013. La vicenda si è poi complicata a seguito di una precisazione a mezzo stampa diffusa dal Ministero, alla quale lo stesso la stessa Balanzoni, riferisce sempre l’ENPA, avrebbe risposto con le vie legali.

Dunque un altro aspetto che andrà ora incontro alla valutazione del Magistrato.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati