forestale papa
GEAPRESS – E’ arrivato anche il saluto di Papa Francesco rivolto  al Corpo Forestale dello Stato in occasione della Festa delle Riserve.Saluto il Corpo forestale dello Stato, che organizza la Festa Nazionale delle Riserve Naturali per la riscoperta e il rispetto delle bellezze del Creato“. Così il Pontefice nel corso dell’Angelus a piazza San Pietro.

Il tutto, però, potrebbe trasformarsi in un addio nel caso dovessero andare in porto i propositi espressi nel corso della discussione del Decreto Madia sulla riforma della Pubblica Amministrazione. Un probabile incorporamento nella Polizia di Stato, senza che però sia stata ben chiarita la fine dei compiti attualmente affidati alla Forestale; tra questi la lotta al bracconaggio ed i maltrattamenti di animali. Una vivace polemica, sollevata dai sindacati Forestali anche nei confronti del Ministro Martina, accusato di non avere adeguatamente sostenuto la causa del Corpo. Tesi, però, che non era stata condivisa dal Capo della Forestale Cesare Patrone anch’esso oggi presente in piazza San Pietro assieme al Direttore delle Scuole del Corpo forestale dello Stato, Umberto d’Autilia e Alessandro Bottacci, responsabile dell’Ufficio per la Biodiversità, oltre a una folta rappresentanza di allievi Vice Ispettori proveniente dalla Scuola di Cittaducale.

Dopo il Regina Coeli, nel ringraziare  i gruppi presenti in piazza provenienti da tutto il  mondo,  il Santo Padre  ha voluto sottolineare il contributo del Corpo forestale dello Stato alla riscoperta e al rispetto delle bellezze del Creato.

Proprio oggi,  migliaia di visitatori stanno affollando le 130 Riserve Naturali dello Stato gestite dalla Forestale in occasione di “RiservAmica”. Si tratta di una manifestazione che vuole esaltare il ruolo primario che la Natura, le foreste e la biodiversità svolgono per fornire energia per la vita.

Tutti i visitatori, riporta la nota del Corpo Forestale dello Stato, saranno per un giorno “Chef della Natura” scoprendo che in natura tutto è regolato da cicli biologici e nel bosco la spesa si fa a km zero.

Biodiversità, storia, cultura e tradizioni si incontrano con la solidarietà, infatti nel progetto sono coinvolti attivamente i ragazzi con sindrome di Down, grazie alla collaborazione con le associazioni Coordown e AIPD. Nel pomeriggio in tutte le Riserve si ascolteranno all’unisono i suoni e la musica della natura. Piccole e grandi orchestre suoneranno dall’Aspromonte alla “Terra dei Fuochi”, da Assisi alle foreste di Tarvisio, in un unico Grande Concerto dedicato alla natura e a Madre Terra.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati