forestale
GEAPRESS – Nel corso dell’intervista concessa a Maria Latella di Sky Tg24, il Ministro  per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione Marianna Madia, si è detta favorevole ad accorpare nella Polizia di Stato il personale del Corpo Forestale.

Nessun tentennamento sull’opportunità della scelta anche se, ha riferito il Ministro, bisognerà attendere il passaggio in Aula del Ddl sulla pubblica amministraizone che potrebbe avvenire già a partire della prossima settimana. Attualmente la Proposta è in sede di Commissione Affari Costituzionali del Senato.

Il Ministro ha motivato la sua posizione con una esigenza di razionalizzazione ed efficienza. Saranno però mantenuti i compiti, ovvero quelli di tutela ambientale.

Secondo il Ministro non è normale che l’Italia possieda cinque corpi di polizia. Questo anche sotto il profilo dei servizi strumentali. Il Ministro Madia ha così sottolineato i cinque uffici personali, così come quelli legali e del personale. Il riferimento al Corpo Forestale dello Stato, non è però rimasto genericamente riferito all’interno della discussione sui cinque corpi di polizia. Il Ministro, infatti, ha espressamente indicato il Corpo Forestale dello Stato come quello che ha un quinto delle persone rispetto alla Polizia Penitenziaria che è a sua volta il quarto corpo di polizia già con molte persone in meno rispetto ai primi tre.

Il passaggio nella Polizia di Stato, dunque, potrebbe rispondere ad una esigenza di efficienza, razionalità e comprensibilità per la collettività. In tal senso, rispondendo ad una domanda di Maria Latella, il Ministro ha riferito che non è importante quanto si risparmia ma quanto, in termini di miglior servizio, si è in grado di offrire al cittadino.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati