letta
GEAPRESS – Ancora tutto calmo, in tema di nomine governative e problemi a cuore del mondo animalista. Dopo i nuovi Ministri e la totale assenza di nomi pro o contro (vedi articolo GeaPress) è ora la volta di Sottosegretari e Viceministri.

Quaranta nomi che sembrano rispecchiare, sia che per scelta o casualità, una lontananza dalla tematica.  Da attenzionare, comunque, i Ministeri più competenti per argomento.

Un piccolo sussulto per Maurizio Martina (PD) nominato Sottosegretario alle Politiche Agricole, Forestali e Alimentari. La sua provincia, quella di Bergamo, costituisce assieme a Brescia l’area calda del mondo venatorio italiano. Martina, però, nel corso dei lavori  del penultimo Consiglio regionale lombardo ha votato a favore della questione di legittimità sulle cacce in deroga (prelievo di specie protette e particolarmente protette)  evitando così che venissero autorizzate nel corso della stagione venatoria 2012-2013.  Un ricordo positivo anche per Giuseppe Castiglione (PdL) catanese. Quando era Assessore Agricoltura e Foreste della regione siciliana, varò uno dei pochi calendari venatori che il mondo ambientalista ritenne di non dovere impugnare. Anche Castiglione è ora Sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole.

Tutta da vagliare la presenza di Paolo Fadda (PD) quale Sottosegretario alla Salute. Fadda nel corso della sua carriera politica, ha ricorperto ruoli di responsabilità nella sanità della regione Sardegna, tra i quali quello di Assessore al ramo. Ad ogni modo, tra le proposte di legge della precedente legislatura nazionale, appare qualcosa sulla pesca e non, ad esempio, in tema di sperimentazione animale o randagismo. Temi, questi ultimi, sicuramente attinenti al Ministero del quale ora Fadda è Sottosegretario.

Da segnalare, quale Sottosegretario ai Beni Culturali, la nomina di Ilaria Borletti Buitoni. E’ stata presidente del FAI, Fondo Ambiente Italiano,  dal quale si è dimessa dopo la candidatura nella Lista Monti. Per chi, però, vede nel FAI qualcosa di simile al mondo delle associazioni ambientaliste, è bene che faccia una piccola ricerca. Nulla da segnalare, invece, su Simonetta Giordani (tecnico, quota Renzi) responsabile rapporti istituzionali di Autostrade per l’Italia.
I Beni Culturali, come è noto, sono competenti anche per le contribuzioni al mondo dello spettacolo e, tra queste, quello circense. Non da poco un loro parere su altre questioni. Una ipotetica legge sul circo, ad esempio, così come le nomine per i riconoscimenti UNESCO   (Palio di Siena e, per ora solo presunto, Patrimonio Immateriale dell’Umanità).

Poco o nulla da segnalare anche per i Sottosegretari all’Università e Ricerca e per quello dell’Ambiente Marco Flavio Cirillo.

Il terzo appuntamento è ora con le nomine delle Commissioni parlamentari. Fosse solo per un calcolo delle probabilità, qualcosa dovrebbe saltar fuori.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati