nero cane
GEAPRESS – Un cane di colore nero, meticcio, che accompagnava il suo proprietario sul treno regionale Firenze – Pistoia è stato ribato da ignoti mentre era stato lasciato momentaneamente legato al sedile.

Il cane era stato adottato dal canile rifugio di Brescia.

Il fatto risale al nove aprile scorso. Il proprietario sporgeva regolare denuncia di furto presso la Questura di Pistoia, cercando di rintracciare l’animale anche con i mezzi informatici.

Per fortuna sono iniziati ad arrivare vari messaggi e fotografie che mostravano alcuni animali somiglianti. Infine si è individuato proprio lui, il cane divenuto oggetto di furto. In particolare veniva riferito di avere visto il meticcio in compagnia di un ragazzo a Calenzano (FI), mentre altri localizzavano anche l’abitazione in cui era detenuto, interessando per le indagini il Nucleo Provinciale Guardie Zoofile ENPA e il Comando della Polizia Municipale di Calenzano.

Le operazioni congiunte dei due Corpi di Polizia Giudiziaria hanno accertato effettivamente la presenza del cane presso un’abitazione nel Comune di Calenzano. Svolta l’attività di indagine si scopriva che il cane era munito munito di regolare microchip intestato al proprietario e oggetto del furto. La persona che lo deteneva di origine Rumena invece, per mancanza di documenti di identificazione, è stato sottoposto a rilievi dattiloscopici fotografici presso il Gabinetto di Polizia Scientifica della Questura di Firenze.

Il cane è stato sottoposto a sequestro penale e trasferito presso l’Unità Funzionale di Igiene Urbana Veterinaria di Firenze, a disposizione del legittimo proprietario mentre l’individuo trovato in possesso del cane è stato segnalato alla competente Procura della Repubblica di Prato con l’accusa di ricettazione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati