GEAPRESS – A complicare le cose ci si mettono i camion con i semi di girasole che, stante le segnalazioni pervenute a GeaPress, starebbero lasciando la zona industriale. Perché vanno via, se è a Faenza che si produce l’olio?

Intanto dall’Istituto Zooprofilattico di Modena, dove sono arrivate alcune Tortore prelevate a Faenza, qualcosa trapela. L’ipotesi che verrebbe accreditata è la presenza di una sostanza chimica che gli animali avrebbero assunto assieme ai semi di girasole. Per diffondere i risultati, però, si attende la conclusione degli esami tossicologici che riguarderanno una serie di possibili sostante chimiche. Per ipotesi chimica, infatti, non si intende necessariamente un veleno di sintesi, ma anche, ad esempio, tossine prodotte da miceti che, in determinate condizioni, potrebbero essersi sviluppati sui semi.

Nel frattempo anche a Brescia sono arrivate le Tortore morte di Faenza. Brescia, infatti, è la sede centrale dell’Istituto Zooprofilattico della Lombardia ed Emilia Romagna “Bruno Ubertini”. In un’ intervista pubblicata ieri da Brescia Oggi il dott. Giorgio Varisco, Direttore sanitario dell’Istituto ha dichiarato che la presenza di grassi insaturi naturalmente presenti nei semi, così come la presenza del virus aviario del quale ha dato comunicazione la sezione di Lugo dell’Istituto, non possono giustificare una moria di queste proporzioni. Il fenomeno della ecatombe di Tortore potrebbe invece trovare una spiegazione, sempre secondo il dott. Varisco, nel fatto che i semi di girasole “siano stati trattati con nuovi tipi di pesticidi”. Un fatto, nel caso, allarmante che potrebbe avvalorare l’ipotesi di inquinamento della intera filiera così come avanzata ieri dal WWF (vedi articolo GeaPress).

All’Istituto Zooprofilattico dovranno però vagliare una quarta ipotesi relativa al fatto che le Tortore possano aver trovato una maniera di auto ridursi dopo che quest’anno non era stata autorizzata la caccia. L’ipotesi è stata avanzata da ambienti venatori romagnoli che quest’anno avevano dovuto abbassare la doppiette. Si vedrà.

Intanto, secondo il WWF, sono non meno di 5000 le Tortore morte. Misteriosi omini permettendo. Anche stamani, infatti, omini in camice, arrivano veloci, prelevano ed inviano all’inceneritore. Chi sono? E chi li ha incaricati?

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati