cucciolo daniza
GEAPRESS – Non hanno bisogno di essere alimentati in maniera “supplementare”, così come riferito dalla Provincia Autonoma di Trento, i due cuccioli dell’orsa Daniza.

Le ultime notizie, infatti, riferiscono di animali che hanno dimostrato una buona capacità di recuperare alimenti dall’ambiente naturale. L’elemento che però conforta di più  è l’elusività mostrata nei confronti dell’uomo. Un orso che non mostra questa particolarità, potrebbe infatti diventare un animale confidente. Un comportamento, quest’ultimo, considerato come anomalo e potenziale fonte di problemi.

Per il resto i cuccioli di Daniza vengono monitorati dal personale del Corpo Forestale della Provincia Autonoma. Questo sia per il soggetto privo di marca che per quello fornito del segnale auricolare dal quale è possibile rilevare, grazie alle radiomarcatura, la sua localizzazione. Questo processo avverrebbe  due volte al giorno.

Per l’altro cucciolo, ossia quello privo di marca auricolare, le informazioni vengono assunte tramite gli avvistamenti.

Già in un precedente comunicato la Provincia di Trento aveva riferito sul fatto che di due animali non erano più assieme. Dopo la morte della madre, avvenuta nel corso di un tentivo di cattura, i due cuccioli avevano continuato a frequentare, rimenendo vicini, i posti a loro noti. Un comportamento che venne meno dopo qualche settimana.

Il soggetto dotato di marche auricolari ha frequentato negli ultimi giorni la porzione medio-alta della Val Rendena spostandosi sia in destra che in sinistra orografica della valle.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati