cuccioli sequestro
GEAPRESS – Uno studio condotto a livello europeo che ha evidenziato le gravi carenze in materia di protezione degli animali da affezione e la necessità di registrare cani e i gatti che vivono nei paesi della UE. Per questo la Lega Nazionale per la Difesa del Cane auspica che vengano prese misure efficaci per garantire la tutela degli amici a quattro zampe.

Il 12 novembre scorso, infatti, si è svolta la seconda Conferenza Europea sul benessere di cani e gatti, incentrata sugli allevamenti commerciali e sul commercio di questi animali in Europa. All’evento hanno partecipato i rappresentanti di tutte le istituzioni europee, i ministri nazionali, i servizi veterinari, le associazioni di allevatori e alcune organizzazioni non governative.

Secondo qaunto diffuso dalla Lega per la Difesa del Cane nel corso della conferenza sono stati presentati i primi risultati dello studio condotto in dodici Stati Membri dell’Unione Europea. Sarebbe così emerso che il commercio di cani e gatti crea un giro d’affari annuale di circa 1,3 miliardi di euro. Il dato sorprendente è che solo il 13% degli animali comprati e venduti proviene da allevamenti professionali e riconosciuti. Molti stati europei, tra cui Polonia, Romania, Slovacchia, Ungheria e Spagna, non hanno nemmeno una definizione legale di allevatore.

Tutti i relatori hanno sottolineato la mancanza di tracciabilità dei cani e gatti nell’UE. Una mancanza che porta a pratiche commerciali scorrette e a maltrattamenti, specialmente con il boom del commercio online di animali da compagnia. In particolare, gran parte dei relatori sono stati concordi nel sostenere che l’identificazione e la registrazione di tutti i cani e i gatti europei sia l’unico modo per porre fine alle loro sofferenze causate dal traffico illegale. Il parlamentare europeo polacco Janusz Wojciechowski ha anche proposto di sovvenzionare la protezione di cani e gatti, un provvedimento che richiederebbe solo lo 0,01% del bilancio europeo totale. Ha anche suggerito la promozione delle adozioni e la sterilizzazione obbligatoria degli animali da compagnia come mezzo per ridurre il fenomeno del randagismo.

“Questo studio conferma quello che affermiamo e cerchiamo di combattere da anni”, afferma Piera Rosati, Presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane. “La tracciabilità attraverso i confini nazionali è una misura essenziale per evitare sofferenze agli animali e il traffico illecito di cani e gatti di cui spesso di perdono le tracce e che vanno a finire in pessime mani. L’Italia su questo è avanti rispetto a molte altre nazioni, grazie all’obbligatorietà di registrare il proprio cane tramite il microchip ma, alle porte del 2016, è necessario che tutti gli altri Stati si adeguino e soprattutto che si crei un database unificato per garantire controlli più rapidi ed efficaci. Inoltre è incredibile che molti Stati dell’UE non prevedano dei requisiti specifici per gli allevatori, che garantiscano la prevenzione della diffusione di patologie e tare genetiche. Auspichiamo che la UE continui su questa strada e segua il suggerimento del parlamentare europeo polacco, destinando fondi per la protezione degli animali, la promozione delle adozioni e la sterilizzazione.”
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati